•  

Buone nuove dal mondo del vino campano: nasce Mata, lo spumante rosè di Villa Matilde

L'Aglianico in una nuova e sorprendente forma è la sorpresa che l'azienda vinicola campana Villa Matilde presentato al Vinitaly: arriva Mata, il primo spumante firmato Villa Matilde, un rosato ottenuto al 100% da uve del più nobile vitigno autoctono campano, prodotto con Metodo Classico.
Buone nuove dal mondo del vino campano: nasce Mata, lo spumante rosè di Villa Matilde

Le uve 100% Aglianico provengono dalle Tenute storiche di San Castrese nel territorio dell’Ager Falernus, lungo le pendici del vulcano spento di Roccamonfina, in provincia di Caserta. La vendemmia è quella del 2011. Dal colore rosa chiaro, con perlage fine, Matà si apre in degustazione con sentori di frutti a bacca rossa accompagnati da piacevoli note floreali. Al palato è fresco e di buono spessore con finale avvolgente e setoso, ideale come aperitivo, versatile a tutto pasto.

"Gran parte del nostro lavoro - ha raccontato Salvatore Avallone, titolare con sua sorella Maria Ida di Villa Matilde - consiste nella ricerca degli strumenti praticabili per la valorizzazione del nostro grande patrimonio enologico. I nostri vitigni, la nostra storia meritano nuove forme. È per questo che abbiamo deciso di investire su questo progetto, perchè crediamo che anche dalla Campania, e da vitigni importanti come l'Aglianico possano nascere vini spumanti interessanti. E speriamo che Mata possa divenire uno di questi."

Con Mata, Villa Matilde inaugura il “Progetto spumanti” e aggiunge al suo già ricco e variegato  portfolio vini una nuova gamma – entro la fine del 2014 sarà presentato un secondo spumante da uve Falanghina - in linea con il trend positivo del consumo delle bollicine italiane.