•  

Nuova etichetta per Villa Matilde Stregamora è il Piedirosso Igp Roccamonfina 2016

Stregamora è fatto con uve di Piedirosso, il vitigno tipico campano conosciuto anche con il nome dialettale, Per’ e palummo
Nuova etichetta per Villa Matilde Stregamora è il Piedirosso Igp Roccamonfina 2016

Stregamora è la nuova etichetta di Piedirosso in purezza Igp Roccamonfina 2016 di Villa Matilde, l’azienda della famiglia Avallone che da oltre cinquant’anni lavora sul recupero e valorizzazione delle uve autoctone della Campania. Stregamora, presentato in anteprima al Vinitaly 2017, è fatto con uve di Piedirosso, il vitigno tipico campano conosciuto anche con il nome dialettale, Per’ e palummo, che descrive una caratteristica morfologica del rachide che vede i pedicelli dei chicchi colorati di rosso come quelli di una zampa di colombo. È un vino dal colore rosso vivace con riflessi violacei, ha profumo di frutti di bosco e note di rosa e viola. Sapido e vellutato al palato, si abbina a pasta o riso in salsa di pomodoro, preparazioni di carni bianche, pollame, formaggi di media stagionatura e zuppe di pesce. Stregamora va ad arricchire la già ampia gamma di vini dell’azienda che è nata nella provincia di Caserta, nelle terre del Massico, culla dell’antico vino Falerno riscoperto proprio dal fondatore dell’azienda, Francesco Paolo Avallone. Oggi Villa Matilde, ancora orgogliosamente a gestione familiare, è una realtà diffusa su gran parte del territorio regionale con tenute nel Sannio beneventano e in Irpinia: il cuore dell’azienda resta alle falde del Massico dove vengono prodotti i vini di punta, il Falerno del Massico Bianco e Rosso, alfieri di Villa Matilde in Italia e nel mondo.