•  

Falerno del Massico Rosso

Denominazione di Origine Protetta /// Rosso
Falerno del Massico Rosso

“Nec cellis ideo contende Falernis” perciò non gareggiare con il Falerno (Virgilio, Georgiche). Il vino più celebre della letteratura e della storia, il Falerno, di colore rosso profondo, nasce da uve Aglianico e Piedirosso raccolte dopo accurata selezione nei vigneti collinari della tenuta di San Castrese, alle pendici del vulcano di Roccamonfina, in provincia di Caserta. Ha profumo intenso e complesso di viola, frutti neri, ciliegia, more e lamponi; sapore pieno, elegante ed armonico.

Falerno del Massico Rosso Villa Matilde

Riconoscimenti

Associazione Italiana Sommelier Guida Duemilavini 2012 – Bibenda. Il Falerno del Massico Rosso Vigna Camarato annata 2006, ha conquistato i Cinque Grappoli, il massimo riconoscimento assegnato ad un vino.

TEMPERATURA DI SERVIZIO
16/18° C
CAPACITÀ DI INVECCHIAMENTO
10 anni
BOTTIGLIE
375, 750, 1500, 3000, 9000 ml
PRIMA ANNATA DI PRODUZIONE
1975
NATURA DEL TERRENO
Vulcanico con buona dotazione di fosforo, potassio e microelementi
ANNO DI IMPIANTO DEI VIGNETI
Vari anni dal 1963 al 2000
ALTIMETRIA DEI VIGNETI
140 mt s.l.m.
EPOCA DI VENDEMMIA
Aglianico: Terza decade di ottobre
Piedirosso: seconda decade di ottobre
DENSITÀ DI IMPIANTO
5000/7000 viti per ettaro
SISTEMA DI ALLEVAMENTO
Guyot con circa 6 gemme per pianta
RESA IN VINO (litri-ettaro)
6000 circa
VINIFICAZIONE
Diraspapigiatura seguita da macerazione delle vinacce ad una temperatura di 25/26° C per circa 20/25 giorni. Durante la fermentazione si eseguono quotidianamente numerosi rimontaggi e “delestages”. Al termine della fermentazione alcolica ha luogo la fermentazione malolattica.
AFFINAMENTO
Una parte del vino, il 50%, affina in barriques di Allier, nuove per un terzo; il restante 50% riposa in tradizionali botti di rovere di slavonia da 10 a 35 Hl, per un periodo di 10/12 mesi. Segue un periodo di affinamento in bottiglia.
VARIETÀ DELLE UVE
Aglianico 80%, piedirosso 20%
AREA DI PRODUZIONE
San Castrese - Sessa Aurunca